Come si festeggia il Natale nel mondo: trend e usanze

Natale nel mondo

Recentemente abbiamo parlato di alcuni dei più bei paesi di Babbo Natale in Europa, toccando di sfuggita anche un po’ delle meravigliose tradizioni dei paesi Europei; oggi voglio parlarti di come si festeggia il Natale nel mondo.

Se conoscere le tradizioni degli altri popoli cristiani e dei paesi di cui senti meno parlare ti alletta almeno un po’, ti consiglio di non perderti la lettura di questo contenuto.

Natale nel mondo: le tradizioni natalizie e il loro significato

albero di Natale africano

Il Natale è senza dubbio la festa più amata dai cristiani di tutto il mondo; anche dai laici; i quali si lasciano affascinare dalle antiche tradizioni che accompagnano questo meraviglioso avvento.

Del resto, il Natale è diventato una festa religiosa grazie all’arrivo del cristianesimo; ma in realtà i giorni in cui oggi festeggiamo la nascita di Cristo, per i pagani dell’Antica Roma era la festa del Dio Sole e altri dei pagani (Sol Invictus). Si festeggiava la fine dell’anno solare, con l’idea che ne cominciasse uno nuovo.

Pensa che le prime testimonianze in cui si festeggia il 25 dicembre come natività di Cristo risalgono al 336 d.c. (Wikipedia.org)

Del resto le origini del Natale (cristiano) sono ancora confuse. Gli storici hanno ricostruito l’ipotesi che si sia scelto il 25 dicembre per far coincidere la nascita di Gesù con la già esistente festa del sole; ma non voglio entrare nel merito della ricostruzione storica.

Voglio invece parlarti del valore che il Natale ha acquistato nei secoli, in tutti i popoli cristiani e delle tante tradizioni natalizie che esistono nel mondo.

Sì, perché il Natale, come sai non si festeggia solo in Europa.

Il significato del Natale nel Mondo

Qui, nel nostro Continente, il Natale si festeggia con tradizioni molto simili, ma non sono identiche. Ogni paese ha delle peculiarità natalizie, anche se ci sono delle caratteristiche immancabili negli scenari natalizi europei.

  • Le luminarie colorate illuminano le città e ridisegnando i loro profili
  • le tavole sono imbandite di leccornie varie, tipiche della varie tradizioni culinarie
  • fuori, il clima freddo non perdona e conferisce al Natale la sua inconfondibile atmosfera.

In altri posti del mondo, il Natale assume tutto un altro scenario, e le tradizioni sono molto lontane dalle nostre.

Partendo da questo presupposto voglio evitare di soffermarmi troppo sull’Europa, prendendo come stato rappresentativo un paese di cui si parla molto poco: la Danimarca.

Qui le tradizioni di Natale sono al quanto originali, in parte ancora legate alle tradizioni più antiche della festa del 25 dicembre.

Il Natale in Danimarca

Natale nel mondo

Il Natale in Danimarca è sentito profondamente, e già nei primi giorni del mese di dicembre l’atmosfera natalizia aleggia nell’aria: si respira nella TV, con le serie televisive a tema natalizio, nelle strade addobbate, ma sopratutto nelle case delle persone.

La Ghirlanda dell’avvento, è una delle prime peculiarità del Natale danese; una grande ghirlanda che viene addobbata con quattro candele bianche, molto lunghe, le quali vengono accese ogni domenica di dicembre prima dell’arrivo di Natale.

In Danimarca come in Svezia si da molta importanza a Santa Lucia.

Ogni Natale si fa una processione molto suggestiva, guidata da una giovane vestita di bianco, la quale porta sulla testa una corona di abate contornata di candele. È seguita da un corteo di bambini che intonano canti Natalizi.

Dal 1 al 24 dicembre le televisioni danesi si attengono al Julekalender (Calendario dell’avvento). Si tratta di una tradizione che risale al 1962, ma è ancora molto presente. I principali canali strasmettono spettacoli di marionette a tema natalizio, fiabe per bambini. Pensa che da alcuni anni la tradizione impone di regalare ai bimbi un vero calendario natalizio, tutto rosso; il quale accompagna l’attesa di Natale con il nome Julekalender.

In Danimarca il Natale ha un valore così forte e radicato che va oltre i giorni di dicembre; il 31 luglio si tiene il famoso raduno dei Babbi Natali provenienti da tutto il mondo: il Word Santa Claus congress.

Come si festeggia il Natale nel mondo

In questo paragrafo esploriamo qual’è il significato del Natale nel mondo, quali sono le tradizioni che caratterizzano i vari paesi in questo favoloso periodo dell’anno.

Ho deciso di esplorare luoghi lontani fra loro per la posizione geografica, per la lingua e per la cultura. Vedremo quali sono le differenze che spiccano di più fra il Natale europeo e gli altri paesi non occidentali.

1. Tradizioni natalizie nelle Filippine

Festival Lanterne magiche
Credit by: Joan Estrosas

Una delle tradizioni natalizie più spettacolari avviene nelle Filippine, proprio nella Capitale, San Ferdinando. La grande città si prepara a festeggiare il Natale, attirando migliaia di turisti da tutto il mondo, i quali vengono apposta per vedere il Ligligan Parul Sampernandu, ossia il  festival delle lanterne magiche.

Questo festival molto suggestivo si basa su la messa in scena di lampade coloratissime di antica tradizione. Sono create con svariati materiali, anche se in origine venivano fatte con la carta giapponese. Le 11 lanterne sono almeno 6 metri di larghezza e sono illuminate con lampadine elettriche.

Durante la manifestazione le luci elettriche delle lampadine creano motivi caleidoscopici. Da questo gioco di colori, e dalle forme di luce deriva un’incantevole scenografia accompagnata dalla musica del posto.

2. Tradizioni Natalizie in Giappone

palle di Natale Giapponesi

Tanto per cominciare il Natale in Giappone, non è una festa nazionale, poiché i credenti cristiani sono solo una minoranza; tuttavia la festa della Natività si è diffusa nel paese come una sorta di festa tradizionale, che porta gioia e serenità a chi la festeggia.

Nonostante tutto anche molte città giapponesi allestiscono addobbi e luminarie varie, ad imitazione delle città occidentali.

È curioso visitare un paese tanto diverso per tradizioni e cultura, e scoprire che anche a Tokyo si allestisce un grande mercatino di Natale, in stile europeo. Qui si possono trovare anche alcuni prodotti tipici europei.

In particolare a Tokyo si vedono bellissimi alberi di Natale: alberi veri ai margini delle strade completamente illuminati di luci colorate; le piazze principali con gli alberi illuminati al centro e un’atmosfera natalizia forestiera diffusa.

Le tradizioni culinarie sono molto diverse dall’occidente; la sera della vigilia le coppie cenano fuori e si scambiano regali, un po’ come a San Valentino. Il giorno di Natale molte famiglie hanno l’abitudine di festeggiare al KFC, con il menù speciale natalizio.

Quindi il pollo fritto americano è paradossalmente la pietanza più mangiata in Giappone il giorno di Natale!

Al posto del nostro pandoro e dei vari dolci di Natale europei, i giapponesi usano preparare una torta natalizia di pandispagna ricoperta di panna e fragole, arricchita con immagini di babbo Natale.

3 Natale in Venezuela

Parlando del Natale nel mondo, merita di essere citato il Venezuela, paese che ai giorni d’oggi è colpito da una dura crisi economica e politica, ma che continua a conservare tantissime tradizioni cristiane, alcune davvero molto affascinanti.

In Venezuela il Natale è sentito profondamente, come festa religiosa; moto più che in Europa, dove il folclore festivo ha sempre prevalso sul lato religioso della festa.

Il presepio è il simbolo del Natale, ed è un po’ il lait motive del natale venezuelano. Pensa che tutte le famiglie allestiscono il presepe già dai primi giorni di dicembre, in Venezuela si fanno vere e proprie gare dove si possono vedere i presepi più belli.

In alcune parti del Venezuela è molto ricorrente un’altra festa, collegata alla nascita del bambin Gesù, la “Paradura del Niño“. Questa festa si svolge ogni domenica a partire dal 24 dicembre (vigilia) fino al 2 febbraio, e prevede la preparazione di un bambolotto con le vesti del bambin Gesù, il bambolotto viene accompagnato da una famiglia e da una processione e viene portato in giro per le case a dare la benedizione. In alcuni casi si crea un vero e proprio presepe vivente con l’aggiunta di Giuseppe e Maria.

Un’altra tradizione molto singolare è il Furto e la ricerca del Bambino: un paesano simula il furto dell’immagine sacra di Gesù e la nasconde per 3 giorni. Si organizza un grande corteo di bambini, scortato dalla autorità locali per cercare Gesù. Tutti sono vestiti da angeli, vergine Maria, San Giuseppe, Re Magi, pastori.

È una delle tradizioni natalizie più singolari del Venezuela, e tra le più suggestive.

4. Natale in Africa

La prima grande differenza del Natale africano, rispetto a’Europa, è legata al clima. Al contrario dei paesi europei, infatti, in Africa fa molto caldo il mese di dicembre. Gli africani, specie al sud del Continente, hanno l’abitudine di passare il Natale in spiaggia, vicino al mare e allestire una festa dove si mangia, si balla e si fa il bagno.

Nell’Africa Centrale si creano cortei di credenti che intonano canzoni di Natale e nelle chiese si organizzano funzioni religiose, dove i donatori offrono la carità ai bisognosi.

Nelle strade si mescolano i canti e le danze folcloristiche a quelle Natalizie, festeggiando dal 25 dicembre al primo dell’anno.

Si prepara anche l’albero di Natale, antica tradizione africana che racchiude altri significati, come il rimando alla vita. In mancanza di conifere, le foglie di palme vengono decorate con fiori bianchi, i quali sbocciano il giorno di Natale. In altre città le strade sono completamente decorate con fiori colorati.

Conclusioni sul Natale nel mondo

Nonostante le tante differenze, il Natale ha quasi valore universale.

Anche se la percezione e l’importanza del Natale varia, per via delle ragioni culturali e il diversificarsi della componente cattolica nei vari paesi, il Natale si è diffuso come una festa conosciuta e rispettata.

In questo articolo abbiamo voluto introdurti solamente alcune tradizioni legate al Natale; dei paesi che appaiono molto lontani dalla cultura occidentale e percepiscono il Natale in modo totalmente differente dal nostro.

Troviamo interessante conoscere e lasciarci ispirare dalle culture e dalle tradizioni straniere, per avere sempre un punto di vista diverso e nuovi spunti con cui allestire i nostri eventi natalizi.

Hai bisogno di aiuto per la tua scenografia natalizia, vuoi un sosia vero di Babbo Natale?

Contattaci e possiamo fornirti artisti e specialisti nell’imitazione di Babbo Natale.

Vuoi restare aggiornato con i nostri eventi e le novità sul Natale?

Ti aspettiamo qui sul blog per i prossimi articoli!

Alla prossima!

Condividi quest'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su tumblr
Tumblr
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Chiudi il menu